Uno sguardo al futuro

Dopo l’incontro vinto per 75 a 67 contro il Vigor Conegliano, la scorsa domenica in trasferta, credo si debbano fare alcune considerazioni sul presente e sul futuro della Pall. Eraclea. Per quel che riguarda il presente, la partita di ieri, i numeri possono spiegare i perchè di una vittoria, anche se per nulla facile. 5 giocatori della Heraclia con una valutazione in doppia cifra – Vuanello 19; Casonato 17; Darsiè con 14; Vettori 12 e capitan Vio 10 -. Per il Vigor invece solo Zanardo e Vazzoleretto con 11 di valuatazione, mentre gli altri sotto la doppia cifra. Una chiara differenza tra le due formazioni che nasconde tuttavia le insidie e le difficoltà che la ns. squadra ha dovuto affrontare e superare in quel di Conegliano.
Chi non ha visto l’incontro potrebbe a prima vista pensare possa essere stato la fotocopia di quello vinto contro il GSA Udine della settimana scorsa: primi due quarti in vantaggio, recupero dei ns. avversari nel terzo quarto, ulteriore ns. break nella quarta frazione di gioco e vittoria finale. In realtà così non è stato dal momento che i ns. avversari sono scesi sul loro parquet con grandissima, seppure corretta, determinazione moltiplicata dalla difficile situazione di classifica e dal convincimento di giocarsi leultime carte a disposizione per raggiungere i play off. La ns. squadra non è mai riuscita ad allungare definitivamente sui trevigiani sempre pronti ad annullare ogni ns. tentatitivo di fuga  (massimo vantaggio 10 punti)  mentre la vera chiave di volta dell’incontro è stata la asfissiante marcatura di Vettori prima e di Lena e Chiesurin poi sul loro miglior giocatore, il play Marco Giordano. Limitato al tiro e nella regia il n° 14 avversario, per la ns. squadra è stato un po’ più agevole portare a casa il risultato finale anche se sudando oltre le proverbiali sette camicie a causa di una poco brillante giornata al tiro da fuori ( 2/8 da due e 8/18 da tre complessivamente). Il momento topico della gara, probabilmente, è stato a quattro minuti dalla fine del quarto tempo quando una bomba di Chiesurin ha ricacciaco definitivamente a – 8 un Vigor che, disperatamente e con poca lucidità ma con grande forza caratteriale, cercava di rientrare in gara. E fortuna ha voluto che ai tiri liberi la Heraclia abbia realizzato complessivamente 25 volte su 30  (e in questo fondamentale si è distinto Andrea Vuanello con un ottimo 9/10)  altrimenti ora sarei a commentare probabilmente un’altro risultato. Per quel che riguarda invece il futuro della Pall. Eraclea nel proseguio del torneo, si può tranquillamente affermare che il turno appena trascorso ci, è stato favorevole: le squadre che ci incalzavano in clasifica o hanno riposato (Cordenons) o hanno perso (Caorle e Bor) mentre il solo Codroipo, vincendo proprio contro il Bor si posiziona al  5° posto assieme al Cordenons, staccati entrambi di quattro lunghezze dalla ns. squadra. Nelle prossime due gare, i ns. diretti concorrenti al quarto posto dei play off, utile per avere la eventuale bella in casa, si incontreranno tra loro in sfide incrociate (Broetto-Caorle e Cordenons-San Daniele nel prossimo week end; Codroipo-Broetto e nuovo riposo del Cordenons nel 21° turno) mentre noi prima riposeremo e poi andremo a Roncade per una proibitiva trasferta: nulla vieta di sperare che, alla fine di queste prossime infuocate due settimane, le ns. possibilità di confermare la quarta piazza siano ancora intatte. Il torneo sta entrando nella fase decisiva; molte squadre, a partire da quelle con scarsa rotazione delle panchine, cominciano ad essere stanche e probabilmente qualche risultato per nulla pronosticabile potrebbe stravolgere ancor di più la classifica. Eccezion fatta per il Melsped Pd e per il Bassano, anche se apparso molto appannato in alcuni uomini fondamentali contro il Caorle, che viaggiano su un altro binario, ci sono 7 squadre per due posti: l’Heraclia è tra queste e deve esserlo sino alla fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *