Texa Roncade – Heraclia Eraclea 67-65

Texa Roncade: Visentin 20, Bergamo ne, Colladon, Cadorin 10, Lazzari 7, Sales 20, Stefani 2, Zavagno 8, Pivetta ne, Davanzo.
All. Seno.

Heraclia Eraclea: Vuanello 17, Blazic 3, Lena 6, Vio 8, Casonato 21, Vettori, Chiesurin 7, Boso ne, Rizza ne, Cia 3.
All. Murer.

ARBITRI: Daminato Francesco di Torre de’ Passeri (PE) e De Panfilis Fernando di Pesacara.

NOTE: Parziali: 15-22; 27-41; 49-53. Roncade: T.l. 15/30; 3pt: 6/23 (Visentin 3, Zavagno 2, Sales 1). Eraclea: T.l. 18/25; 3pt: 2 (Casonato e Vuanello). 5 falli: Cadorin, Lena, Vio.
Spettatori 300.

la cronaca veneziana:

L’Heraclia Eraclea comincia con il piede sbagliato l’avventura nei playoff. In gara1 i biancoverdi di Murer dominano per lunghi tratti, salvo poi arrendersi negli ultimi secondi ad una Texa Roncade che forse non credeva più di riuscire a portarsi a casa l’incontro. A parte le schermaglie iniziali, sono gli ospiti e condurre nel punteggio e a tentare di scappare via. Roncade non riesce a sostenere il ritmo imposto dall’Eraclea , che nel corso del secondo quarto raggiunge il massimo vantaggio (+16, sul 20-36), per poi mantenerlo fino alla sosta di metà gara. La musica non pare cambiare neppure al rientro in campo, dato che l’Heraclia dà l’impressione di avere in pungo il match. Non è così, perché tra le fila ospiti manca un certo Darsiè e coach Murer deve fare i conti anche con Vettori a mezzo servizio; assenze che alla lunga si fanno sentire, e infatti Roncade pian piano recupera lo svantaggio. Lazzari a 3′ dalla fine porta avanti (65-64) i trevigiani, poi raggiunti da un libero di Cia. Situazione quindi di assoluta parità a una manciata di secondi dalla conclusione con palla in mano alla Texa: Visentin non viene fermato e a meno di un secondo dalla sirena mette dentro il canestro del definitivo sorpasso locale.

T.V.

e quella trevigiana:

La Texa Roncade vince gara 1 dei quarti play off dopo 40′ a dir poco rocamboleschi. Eroe della serata Omar Visentin che, con 7″ sul cronometro, scocca in controtempo l’entrata della vittoria a fil di sirena. Eraclea si presenta in condizioni menomate (infortunato Darsiè mentre Vettori è in panca per onor di firma) ma sono proprio i veneziani a costruire il primo break (1-5). Visentin trova due triple consecutive in transizione (11-5) ma poi la luce si spegne con Eraclea che produce un terrificante break di 0-16 per l’11-21. Nella ripresa sono ancora i veneziani a dettare le danze con Vuanello e Casonato (18-33) mentre Lazzari viene colto nella terza penalità e Colladon nella quarta. Vuanello porta i suoi sul +16 (20-36 massimo vantaggio) con Roncade che difende male, attacca peggio e non ci prende dalla lunetta (15/30 totale contro il 77\% in campionato) andando al riposo sotto per 27-41. Nella ripresa molti errori dalle due parti con Eraclea che mantiene il vantaggio (33-49 a 5’30”) e le redini del match. La Texa, pur sbagliando i liberi (6/14 nel 3/4) inizia invece a rosicchiare punti con l’Eraclea che si innervosisce complice un arbitraggio che sembra accanirsi sugli ospiti. Dopo un break di Sales è Visentin con una bomba a dare il 48-51 che riapre la gara. L’ultimo periodo vede Zavagno scagliare due triple per il 55 pari con dall’altra parte il solo Casonato (7 punti di fila) a sostenere i suoi (55-60). Sales e due liberi di Cadorin riportano finalmente avanti la Texa (63-62). Casonato realizza, Lazzari risponde e poi a 7″ Cia fa solo 1/2 ai liberi per il 65 pari. A quel punto sulla rimessa Visentin si fa tutto il campo e va a depositare fra il tripudio del pubblico. Finisce in festa ma è solo gara uno. Mercoledì alle 21, secondo atto della sfida ad Eraclea.

Remo Primatel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *