Super Solar S.Daniele – Heraclia Eraclea 71-85

Super Solar San Daniele: Pellarini 13, Colutta 10, Moscariello , Maran Mau. 10, Rossi 19, Bellese ne, Gabai 4, Chivilò 7, Maran Mar. 5, Sambarino 3
All. Colonnello.

Heraclia Eraclea: Vuanello 27, Pomello 0, Vettori 9, Vio 3, Casonato 17, Lena 14, Darsiè 8, Chiesurin 2, Boso ne, Cia 5
All. Murer.

ARBITRI: Lovisutti e Rizzi di Gorizia.

NOTE: parziali 15-17, 36-42, 58-65.

la cronaca veneziana:

Ricompare il sorriso in casa dell’Heraclia Eraclea dopo il successo corsaro ottenuto sul parquet del San Daniele, ancora ultimo sul fondo della classifica. Vittoria meritata per la compagine di Murer, con i padroni di casa che nonostante gli sforzi non sono mai riusciti a mettere la testa avanti. Dopo appena 3′ di gioco i biancoverdi sono già sul 0-7 a proprio favore, facendo presagire un gara in discesa; San Daniele non ci sta a fare la vittima sacrificale e riduce il margine di svantaggio fino al -2 di fine quarto. A 4′ dal riposo la generosità locale viene premiata e un tiro dai 6,25 di Chivilò fissa il punteggio sul 32 pari; è un fuoco di paglia, però, dato che i litoranei piazzano un altro mini-break che li riporta avanti. Nel terzo parziale Eraclea accelera, fino ad arrivare al +14 che sembra decidere le sorti della partita. I padroni di casa non si arrendono e trovano la forza per avvicinarsi nuovamente fino al -1 (64-65) nelle prime battute del quarto finale; anche in questo casa è solo un illusione, perché Vuanello e Casonato mettono dentro i canestri dell’allungo che decide definitivamente la partita.

Tommaso Vianello

e quella friulana:

Non basta il coraggio alla Super Solar per superare la tosta Heraclia che pone fine a San Daniele alla “minicrisi” determinata dalle ultime tre sconfitte consecutive. Resta invece ancora al palo la formazione di Romanin che dopo nove turni si trova in maniera molto preoccupante all’ultimo posto ed ancora all’asciutto di successi. Partenza sprint degli ospiti che trascinati da Vuanello al 4′ conducevano già 2-9. La squadra di casa però reagiva e grazie a buone iniziative offensive di Rossi si riportava sotto sino al -2 del 10′. Di nuovo in fuga i veneti nel secondo periodo sino al 22-30 del 15′. Controparziale di Chivilò e compagni di 7-0 ed i “collinari” si attaccavano all’Eraclea che però chiudeva il primo tempo in vantaggio si sette lunghezze. Nella ripresa gli ospiti cercano di chiudere subito i conti e con un gran Vettori toccano il +14 al 24′ (42-56). Non manca però l’orgoglio ai padroni di casa che si producono in un forcing disperato che li porta sino al 64-65 del 32′. L’Heraclia però gioca con il piglio da grande e risponde nuovamente con un break di 9-0. Stavolta quello decisivo perchè la Super Solar non ne ha più ed è costretta ad alzare bandiera bianca.

Gi.Bol.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *