Leader 2

Fine dei primi due quarti ieri sera a Udine: Euro & Promos Udine-Heraclia Eraclea 49/49. Punteggio altissimo, nella migliore tradizione NBA. Gioco spettacolare, velocità di esecuzione al tiro, più ragionata ed articolata quella della Heraclia, più istintiva quella di Udine con un Musiello in grande condizione a forare da ogni dove. Ma è vera gloria? E quanto delle rispettive difese non ha funzionato a dovere? Se consideriamo che è tipico della Virtus Udine di quest’ anno segnare molto in casa ma subire altrettanto in trasferta, la stessa cosa non può essere detta della Pall. Eraclea che quasi mai, quest’ anno, ha subito punteggi superiori ai 90 punti. Proprio nella gara di andata, termina sul 96 a 90 per i ns. portacolori, c’è stato il passivo più gravoso sofferto dalla Pall. Eraclea.
Evidentemente è nel DNA delle due squadre che, in occasione delle sfide dirette, gli attacchi funzionino meglio delle rispettive difese e che, in particolare la ns., vada un pelino in ferie. Nonostante ciò, tuttavia come le cronache raccontano, la Pall. Heraclia Eraclea è stata in partita sino ai tre minuti finali quando, dopo un ennesimo breack operato dai ns. avversari ed un dispendioso parziale recupero, è riuscita a portarsi a solo – 8 sul 79 a 71 per i friulani: l’ennesima bomba, chirurgicamente messa a segno da Campanotto, capace tra l’altro di stoppare, con altrettanto tempismo e micidiale precisione, ogni ns. precedente tentativo di recupero, ha chiuso definitivamente l’incontro con gli Udinesi capaci a questo punto di dilagare sino al risultato finale di 94 a 76. Cosa è mancato ai ns. giocatori per ripetere quanto di memorabile fatto solo sette giorni prima con in Corno di Rosazzo? Innanzi tutto la precisione al tiro: se sino ad oggi, in media nelle 22 ghiornate precedenti a ieri sera, la squadra ha 12 realizzazioni su 20 tentativi nei tiri da sotto con una percentuale del 62%, il 17/25 realizzato ieri sera conferma, se non migliora questa percentuale. Dove invece le cose sono andate maluccio è nei tiri da fuori: 2/10 e 8/31, rispettivamente da due e da tre contro una media di 6/16 e 8/21 sono performance assolutamente deficitarie che probabilmente trovano una giustificazione plausibile nel parziale utilizzo che coach Murer ha potuto fare di Checco Vettori a causa di un infortunio muscolare che lo ha colpito ad una gamba alla fine del secondo quarto. Se non possiamo permetterci il lusso di "regalare" ai ns. avversari, data la tipologia di squadra che è la Heraclia, alcun giocatore, a maggior ragione costringerci a giocare senza il play titolare, nelle condizioni psico-sfisiche messe in luce nelle ultime settimane, ci è costata sicuramente la sconfitta così come già era successo consecutivamente sia a Marghera che in casa contro il Montebelluna. Ieri sera, sino a quando Vettori ha potuto calcare il parquet in condizioni sufficienti, tutta la squadra ne ha indiscutibilmente beneficiato ed in particolare sia Casonato (22 pts.; 3/7 da 2 e 4/11 da 3 con 6 rimb. e 4 assists; 28 di Val.) che Dalla Venezia (16 pts.; 2/4 da 2 e 2/7 da 3 con 5 rimb. e 4 assists ma ben 4 palle perse; 16 di Val.) che hanno operato in attacco con sufficiente tranquillità. Sedutosi in panchina a rifiatare e a curarsi le ferite, questa tranquillità è probabilmente venuta meno a tutti ed in particolare a Federico Toffoletto, in grado di realizzare sì 13 pts. e catturare 6 rimbalzi ma capace pure di avere nello score ben 8 palle perse (di cui ben 6 nel terzo e quarto tempo in concomitanza con il ridotto utilizzo del ns. n° 10) che credo sia, assieme al numero complessivo di 21 dell’intera squadra, in assoluto un record. Un dato tuttavia è emerso dalla gara di ieri sera: anche se sconfitta, la Pall. Heraclia Eraclea ha confermato per l’ennesima volta e nonostante la presenza nel palazzetto udinese di corvacci portasfiga e interessati avvoltoi pronti a recitare il ns. de profundis, che dopo essersi quasi sicuramente e nuovamente salvata, è senza dubbio degna di disputare i play off ed a alto livello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *