Heraclia Eraclea-Euromobil Caorle 68-70

HERACLIA ERACLEA: Zatta 12, Vuanello 15, Zorzetto 4, Vio 0, Delle Monache 16, Dalla Venezia 12, Moro 9, Svalduz 0, Fingolo ne, Franzo ne.
All. Franceschetto.
EUROMOBIL CAORLE: Gusso 10, Cocceani 4, Franceschin 6, Tonut 20, Chinello 17, Zorzi 0, Padovan ne, Carrara 5, Biancon 8, Conti 0, Toffolletto.
All. Pivetta.

ARBITRI: Mandelli di Forlì e Neri di Cesena.

NOTE: parziali 18-18, 36-37, 47-56. Tiri liberi 15/23 per Eraclea, 7/12 per Caorle.

L’Euromobil Caorle fa suo il derby con l’Heraclia Eraclea e continua a mantenere il passo della capolista Bassano. Una partita decisa a pochi secondi dalla sirena conclusiva e in cui le due compagini veneziane hanno dato ancora una volta prova di poter competere per l’obiettivo playoff fino alla fine. Infatti, se è vero che i ragazzi di Pivetta hanno portato a casa i due punti, è altrettanto vero che fosse finita diversamente nessuno avrebbe gridato allo scandalo. L’Eraclea paga forse alcuni momenti di blackout nel corso del match, al contrario dei gialloblù ospiti che hanno dimostrato una maggior continuità nell’arco dei 40′. Nel primo parziale i due quintetti si rispondono colpo su colpo e nessuna delle due squadre prende il largo; nel secondo quarto, invece, i padroni di casa sembrano prendere in mano il pallino del gioco e allungano fino al +10: ma i ragazzi di Franceschetto non continuano con la stessa intensità e Caorle piazza un parziale di 9 a 0 a suo favore e arriva all’intervallo addirittura avanti di 1. Dopo la pausa Eraclea non riesce a reagire e gli ospiti sfruttano il momento favorevole, riuscendo a incrementare il vantaggio fino al +9. Sembra fatta per Caorle che all’inizio dell’ultimo parziale piazza 2 bombe con Chinello (buona prova la sua) e Carrara e si porta sul 62-47 a proprio favore. Tutto finito? Macchè: i biancoverdi ricominciano improvvisamente a giocare e recuperano punto su punto agli ospiti: l’aggancio si compie a 30″ dalla sirena quando Eraclea raggiunge la parità (68-68). Caorle gestisce l’ultimo pallone e conclude a canestro: la palla non va ma Chinello è più veloce di tutti e agguanta il rimbalzo (secondo i padroni di casa in maniera fallosa) segnando il canestro decisivo. Tra le fila del Caorle ottima anche la prestazione del rientrante Tonut; buona la prova invece degli esterni dell’Eraclea al contrario dei lunghi che sono un po’ mancati, specie in fase difensiva. Nel prossimo turno i ragazzi di Franceschetto sono attesi dal Codroipo, mentre Caorle ospiterà San Daniele.

Tommaso Vianello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *