Heraclia Eraclea ancora prima dopo la sosta

L’Heraclia Eraclea si ferma per il primo dei due turni di riposo “forzato” del campionato e si ritrova ancora in testa alla classifica ma in compagnia di Roncade e Bassano; tutto come da pronostico (a parte la sconfitta della Melsped Padova a Udine), con le 2 inseguitrici che sono riuscite a vincere le rispettive gare, andando a formare un terzetto al comando. Tutto questo non cancella comunque l’ottimo inizio della squadra di Murer, ancora imbattuta e forse vera sorpresa di queste prime giornate; uno degli artefici dello splendido avvio è l’ala Paolo Casonato, che quest’estate ha lasciato dopo anni, insieme a Francesco Vettori, Oderzo per indossare la casacca biancoverde.

«Senza dubbio – racconta Casonato – a me e Vettori è dispiaciuto lasciare un gruppo e un ambiente a cui eravamo particolarmente legati. Ciò non vuol dire che scendere di categoria abbia rappresentato un peso: la mia è stata una scelta ponderata, qua ho trovato una società ambiziosa fatta da dirigenti seri, un gruppo composto da ottimi ragazzi e un pubblico che ci segue ovunque». L’asse Vettori- Casonato ammirata ad Oderzo sembra riproporsi con forza pure ad Eraclea . «Con ‘Checco’- spiega l’ala trentenne – ci conosciamo ormai da 15 anni e in campo ci capiamo al volo. Ma anche gli altri ragazzi stanno dando il meglio, sia dentro che fuori dal campo, come conferma questo inizio di campionato». Mercoledì, nel turno infrasettimanale, sotto con Roncade nel primo vero big-match. «Loro, con Bassano e Melsped, sono una squadra che ha qualcosa in più delle altre; noi dovremmo essere concentrati per tutti i 40′ senza accusare pericolosi cali, cercando di sfruttare l’aiuto dei nostri tifosi. Non sono i nomi- conclude Casonato- a far vincere le partite e i campionati, per cui nessun risultato è già scritto in partenza».

Tommaso Vianello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *