Grandiosi

Non ho altro aggettivo da usare se non Grandiosi per definire i ns. giocatori che ieri sera, sconfiggendo in maniera netta il Fiorese Bassano per 85 a 73, hanno messo in scena un autentico spettacolo sportivo. Spettacolo puro, soprattutto nei primi due quarti, che ha prima sorpreso, poi annichilito quindi fatto rassegnare alla sconfitta una potente e tecnica squadra avversaria che ha in David Sanesi un giocatore di qualità eccelse. Ma un solo giocatore, per quanto immenso, non può essere sufficiente se di fronte ti trovi una squadra, una vera squadra.
E la fotografia più eloquente di questa stupenda vittoria, sia per il risultato che per il gioco espresso, è sintetizzata in Sanesi serior, adrenalinico coach del Bassano, seduto in panchina muto, sconsolato e forse stremato, dopo essersi sgolato per tutta la gara a dare indicazioni e direttive, invano. Sull’altra panchina, invece, coach Murer aveva la allegra serenità di chi aveva indovinato, ancora una volta, la mossa difensiva giusta: Darsiè in marcatura su Sanesi Junior  con il risultato di aver costretto il fromboliere vicentino a realizzare solo 11 pts. (contro una media di quasi 19 nel corso del campionato) e gestire in maniera oltremodo difficoltosa ii gioco dei bassanesi. Ma è estremamente riduttivo racchiudere in questa situazione tattica il perchè di una vittoria così entusiasmante soprattutto perchè in fase offensiva i giochi d’attacco dell’Heraclia hanno funzionato in maniera eccellente sotto una incredibile e perfetta regia di Francesco Vettori. Ed i numeri dell’incontro possono dare utilissime indicazioni per decifrare, al di là dei flash visivi che ognuno di noi porterà nella memoria per parecchio tempo, il risultato finale. 5 sono stati i giocatori in doppia cifra (tutto il quintetto base) e credo sia un doveroso omaggio a ciascuno di loro ricordarne lo scout finale: Vettori, in assoluto il miglior giocatore dell’incontro con 35 di Val., autore di 12 pts; 2/4 da 3; 6 rimbalzi; 7 recuperi; 8 assists  e una stoppata data. – Casonato: 21 pts.; 4 bombe su quattro tentativi; 9 rimbalzi 3 tre assistenze; 28 di Val. – Darsiè: 15 pts.; 4/6 da sotto; 15 rimbalzi; 28 di Val. – Vuanello: 22 pts. (miglior realizzatore del match); 3/7 da 3 e 2 assist; 21 di Val. – Vio: 13 pts; 4/5 da sotto; 6 rimbalzi; 13 di Val. E poi Cia, 2 pts. ma 10 rimbalzi complessivi e gli stessi Blazic e Chiesurin, molto attenti e duttili quando chiamati in causa. Come questi numeri dimostrano, i biancoverdi sono scesi in campo come squadra, determinata, vincente e convincente, capace di relegare a 20 punti ( 60 a 40 a metà del terzo quarto) la seconda forza del torneo, capace di saper resistere all’inevitabile ritorno dei vicentini e chiudere la gara con buona tranquillità tra l’incontenibile entusiasmo del numerosissimo pubblico presente al Palalargon, vero sesto uomo in campo. La vittoriosa prova di ieri sera, non solo per l’avversario di rango battuto ma anche per il modo con cui è stata realizzata, ha indubbiamente  un doppio significato: prima di tutto rappresenta un inequivocabile segnale a tutti coloro i quali, anche solo pochissimo tempo fa, continuavano a profetizzare un futuro perlomeno nebuloso per la ns. squadra, fatto più di sonori ceffoni che di convincenti risultati, specie con le grandi del torneo. Un ringraziamento a questi critici a prescindere è sicuramente doveroso con la inevitabile preghiera a continuare nella strada intrapresa perchè, tra l’altro, ci porta veramente bene. In secondo luogo ed  in previsione play off, quanto accaduto sul  parquet di Eraclea per opera di Capitan Vio e soci rappresenta un chiarissimo campanello d’allarme per i molti osservatori delle squadre avversarie che anche ieri sera hanno assistito alla gara contro il Fiorese Bassano: la Pall. Eraclea c’è e ha tutta l’intenzione di continuare a esserci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *