Gli interessi

Certamente il cinese che alberga in ognuno dei giocatori e dei tifosi della Pall. Heraclia Eraclea, ieri sera deve essere stato particolarmente soddisfatto. Nel senso che, dopo tre mesi di paziente attesa sulla riva del fiume, il cadavere del Broetto Virtus Padova è finalmente passato al termine di una gara che non ha avuto storia se non nei 5 minuti iniziali quando il punteggio è stato in bilico sul 12 a 10 per i padroni di casa biancoverdi. Non serve essere particolarmente cruenti quando ci si deve prendere qualche rivalsa, soprattutto se solo sportiva. E ieri sera, al Palalargon di Eraclea, si è consumata, con sottile cattiveria, la vendetta per tutte le brutte figure patite dalla Pall. Eraclea in casa dei padovani negli ultimi due anni.
Con la vittoria di ieri sera per 89 a 60, in un colpo solo, i giocatori della Pall. Heraclia Eraclea sono riusciti infatti a realizzare una combinazione di risultati di importanza particolare: in prima battuta hanno restituito, con gli interessi, il differenziale di 12 punti maturati nella gara di andata in terra patavina; secondariamente con questa pesantissima vittoria raggiungono e superano in classifica a quota 20, per la differenza canestri negli scontri diretti, proprio gli avversari di ieri sera; infine, approfittando di un calendario favorevole e per combinazioni di partite tra dirette pretendenti alla zona play off, si posiziona al sesto posto della classifica e quindi in piena lotta per le posizioni nobili della griglia. Come detto, la gara ha avuto storia solamente per i primi cinque minuti di gioco del primo quarto, dove uno straripante Federico Toffoletto ( 21 pts.; 6/7 da 2; 3/7 da 3; 7 rimbalzi e 21 di Val.) ha fatto letteralmente la differenza realizzando ben 14 pts. in 10 minuti ottimamente supportato da colui che sarebbe stato il match winner della gara, Andrea Fingolo (26 pts: 7/9 da due e 3/4 da tre; 23 di Val.). Dopo tale periodo, non c’è stata letteralmente più gara ed il vantaggio dei ragazzi di coach Murer ha toccato anche cifre per certi versi imbarazzanti con un + 27 all’inizio del terzo quarto di gioco. E la timida reazione dei Padovani di rientrare in partita si è letteralmente frantumata di fronte alla diga difensiva messa in atto da Capitan Casonato e soci che ha concesso loro solamente la consolazione di vincere il terzo quarto di un punto (18/17) e portarsi a – 16 a 6 minuti dalla sirena finale. Rientrato in campo il quintetto formato da Vettori, Casonato, Dalla Venezia, Fingolo e Toffoletto e spinto nuovamente sull’acceleratore quasi a voler, perfidamente, ribadire chi ieri sera fosse il più forte, non c’è stata letteralmente più partita e l’incontro è terminato con una legittima standing ovation del pubblico di Eraclea ai propri beniamini. Quella vista ieri sera è stata una grandissima prova di forza messa in atto dalla squadra di coach Murer con una percentuale al tiro assolutamente rimarchevole (19/27 da due e 11/27 nelle bombe da tre), forse la più bella partita della stagione tra le mura di casa dove ben quattro giocatori hanno superato i 20 punti di valutazione finale: oltre ai citati Toffoletto e Fingolo ed al solito Checco Vettori sempre eccelso nel dettare i tempi ed i ritmi della gara, ha brillato infatti la prova del solito Paolo Casonato ( 21pts.; 2/2 da due e 3/7dalla lunga distanza; 8/8 ai liberi; 25 di Val.) nettamente vittorioso nel confronto diretto, sia in attacco che in difesa, di Fabio Capelli, temibilissima ala avversaria di vecchia conoscenza. Rimarchevole inoltre la prestazione di Andrea Dalla Venezia, ormai totalmente ristabilitosi e capace di un eccellente 21 di Val. con 3/5 da due e ben 8 rimbalzi e soprattutto sacrificatosi nella marcatura del pericolosissimo play avversario Simone Boldrin (il n° 5 in maglia nera), ieri sera reso quasi del tutto inoffensivo. Una efficace prova di forza che, oltre a mettere in luce le buone condizioni psico-fisiche attuali dei giocatori biancoverdi, lancia un inequivocabile messaggio alle altre squadre del torneo, alcuni rappresentanti delle quali erano presenti in tribuna: nella aggiudicazione dei posti per i play off, nessuno può permettersi il lusso di dimenticarsi delle potenzialità della Pall. Eraclea, anche perché il cinese, sempre quello di prima, è sempre vigile e aspetta, aspetta,….

Gianpaolo Giacomini

Tabellino della gara

PALL. HERACLIA ERACLEA: Facco 2; Dalla Venezia 11; Fingolo 26; Basso 0; Toffoletto 21; Casonato 21;
Vettori 8; Darsiè 3; Boso 0; Rizza A. 0. All. Murer

BROETTO VIRTUS PADOVA: Boldrin 9; Sorgente 8; Lazzari 8; Gasparotto 8; Maretto n.e.; Capelli 14;
Favaro 5; Vizzotto 5; Zonta 11; Paccagnella n.e. All. Benettolo

ARBITRI: Rizzi di Gorizia e Skok di Villesse

NOTE: parziali: 5′ 12/10 10′ 24/10 15′ 37/16 20′ 42/25 25′ 52/29 30′ 59/43 35′ 72/53 40′ 89/60

Da tre punti – Heraclia: Fingolo 3; Casonato 3; Toffoletto 3; Vettori e Darsiè 1.
Broetto: Boldrin, Sorgente, Gasparotto, Capelli; Favaro e Vizzotto 1

T. Liberi: Heraclia: 18/20; Broetto: 16/20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *