E ANCHE L’UNDER 15 NON SBAGLIA LA PRIMA, LA SECONDA, …

I ragazzi di coach Trevisiol nella prima partita del Campionato under 15 riescono dopo un match abbastanza combattuto ad avere la meglio per 47-57 sui pari età del Castellana.

Un primo quarto equilibrato dove le squadre si studiano a vicenda termina sul 16-14 per i padroni di casa. Nel secondo quarto la nostra squadra si affida alle percussioni del solito, imprevedibile Zoccoletto, mentre sotto i tabelloni Visentin fa il suo ed il parziale è di 8-18 per i nostri colori così che si va all’intervallo lungo sul 24-32 per i nostri. Il coach predica calma negli spogliatoi e sembra prevedere ciò che accade nel terzo periodo dove il Castellana si rifà sotto e noi subiamo anche perché le iniziative partono troppo spesso dalla solita coppia Fede- Lorenzo mentre gli altri danno un buon contributo, ma ancora non troppo incisivo.
Le palle perse sono tante e i tiri sbagliati anche; dopo 30’ è 39-43; Castellana ci crede.
Nel quarto periodo troviamo la giusta difesa di squadra, recuperiamo palloni con Boso e Zoccoletto, mentre Lorenzo piazza punti fondamentali da sotto e da fuori, guadagnandosi la palma di “top scorer”.

A fine partita il tabellone dice 47 a 57 per i nostri con una buona prova di squadra anche se gli aspetti su cui crescere per poter lavorare di più sul piano del collettivo.

Boso, Pellegrin 2, Ferro 2, Pine 4, Brollo 2, Ferretto 3, Babbo, Boem 2, Lucchetta, Visentin 26, Zoccoletto 15 Lucchetta. All. Trevisiol. Acc. Boso Alberto.

Domenica scorsa altra soddisfazione per i nostri under 15 che vanno a vincere di oltre 30 lunghezze su i discreti Giants di Marghera. Su tutti spiccano le prestazioni della solita coppia Zoccoletto e Visentin, che con intesa, tempismo e precisione si rivelano i cardini di questa compagine. Tra gli altri, tutti con un buon minutaggio in campo, spicca un Boem che gioca bene e appare determinato a ritagliarsi uno spazio importante. In generale buona la prestazione del collettivo.

Per conferme i nostri attendono sabato prossimo in casa un avversario di livello, il Favaro, squadra ostica per tradizione da affrontare.

Coach Trevisiol ai nostri microfoni afferma che, spinta dai suoi pilastri Fede e Lorenzo, la squadra procede bene lavorando con determinazione ed impegno. Il coach è scettico nel parlare già di Finali ma ammette che, col suo potenziale la squadra può arrivare lontano e dare grandi soddisfazioni ai suoi tifosi. Per arrivare in fondo, ammette Trevisiol, la forza deve essere il gruppo e serve l’apporto di tutti a partire dalla rapidità e il tiro di Boso, passando per  Brollo, Ferretto e Pellegrin, che a suo avviso sono tre dalle grandi potenzialità e dal buon gioco in quanto a tecnica. Il coach attende conferme poi anche da Pine, in prestito da Caorle, che dice si sia integrato bene e ritiene che, dandogli ovviamente del tempo, può saper far male agli avversari. Ovviamente per la competitività con le grandi serve sotto i tabelloni un aiuto a Lorenzo, dice l’allenatore, con la fisicità di Lucchetta e di un Boem in crescita. Il coach chiude l’intervista volendo citare anche tutti gli altri da Babbo a Ferro ad Antonel convinto che il loro minutaggio crescerà col tempo e che sapranno ritagliarsi anche loro buoni spazi potendo essere importanti per la squadra.  
Trevisiol chiede sacrificio ai suoi, perché in nessun posto il successo viene prima del sudore, se non nel dizionario … quindi “Ragazzi lavorare sodo per andare lontano!!!”
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *